Age of Worms

Giù in profondità

GENNAROOOOOOOOO!

Anno 595 CY, Godsday, 25° giorno di Readying
E’ tarda sera, domani è il giorno.

La sera del 22 non è successo niente, o meglio: non siamo riusciti a capire cosa sia successo. Secondo la Chiesarola rossa qualcosa è successo, ma nè lei nè noi riusciamo a capire cosa.

Non manca nessuno all’appello, dopo una riunione in tarda notte torniamo al Tumulo Sussurrante. Il giorno dopo come concordato continuiamo con le preparazioni, in particolare costruiamo alcuni paletti del bagliore alchemico e i rimanenti vaporizzatori. Inoltre ci rivolgiamo ai migliori fabbri di Diamond Lake per aggiornare armi e armature in modo da avere il miglior equipaggiamento che riusciamo a permetterci.

Nel frattempo ci raggiunge una conoscenza del Moro, un Chiesarolo solare! Un brucia non-morti! Finalmente qualcosa va nel verso giusto: abbiamo uno specialista dalla nostra. Indagheremo più avanti sulle sue abilità. Il Maestro ce lo ha mandato da Greyhawk, sapendo che ne avremmo avuto bisogno. Continuiamo a costruire.

Il Contatto nel frattempo sta preparando un doppio fondo al carretto che useremo come corrieri per entrare nella miniera Dourstone, nel quale nasconderemo i vari oggetti alchemici. Smenk ha organizzato un carico grosso, in modo da giustificare la presenza di tutti noi. Ma a un certo punto succede qualcosa di inaspettato.

Nell’abisso della camera gloriosa, ora nostro laboratorio di alchimia e di metallurgia, uno dei ragazzi sembra si sia sentito male, e abbia parlato una lingua sconosciuta in stato di trance. Dando fondo alle mie più profonde conoscenze in termini di incantesimi sembra che sia stato lanciato un sortilegio dal nome Corriere di Vecna, e il messaggio, memorizzato dal Contatto e tradotto dal Moro dice a grandi linee:

Sappiamo dove siete, sappiamo chi siete e cosa volete fare. Non attendete oltre, noi vi stiamo aspettando. Alla morte non si può sfuggire.

Questo mi fa pensare che tutte le precauzioni prese fin’ora siano state inutili, abbiamo a che fare con qualcosa di molto meglio organizzato e presente sul territorio rispetto a noi, ma con un vantaggio: noi sappiamo che esistono e qual’è il loro nascondiglio, e per qualche motivazione loro hanno bisogno di noi lì sotto. Ha qualcosa a che fare con la Vera Tomba di Zosiel? Con la profezia dei druidi riguardo il Talismano della Sfera? Sicuramente non direttamente legato all’oggetto, perchè avrebbero potuto provare a rubarcelo se avessero voluto, è qualcosa che riguarda in qualche modo anche noi.

A questo punto fare ulteriori preparazioni è come rimandare qualcosa di inevitabile, dobbiamo scendere decisi, lo faremo dopodomani.

Anno 595 CY, Earthday, 27° giorno di Readying
Scendiamo l’ascensore, il Contatto vede un Tiefling sotto che ci aspetta, prova a prenderlo in giro cercando di attirarli sotto (GENNAROOOOOOOOOOOOOO! GENNAROOOOOOOOOOO!), ma il tipo da l’allarme. Decidiamo di far crollare l’ascensore. Questi esserini scoppiano ad una velocità adeguata.

Facciamo qualche esperimento con la pozza. Sembra abbia proprietà paralizzanti, ed è molto molto fredda. Un’aura necromantica la circonda. Decidiamo di esplorare la parte sud e ci troviamo in una sala piena di scheletri con armature addosso. Pericoloso, decidiamo sul da farsi.

Comments

Erevar

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.