Age of Worms

Nuovi arrivati, Vermi e Lucertole

Mistmarsh

Anno 595 CY, Starday, 1° giorno di Growfest
Forte, Laguna delle Nebbie

Pericolo scampato per ora, ma la situazione può precipitare da un momento all’altro. Ma riprendiamo da dove avevo lasciato.

Siamo rimasti chiusi nella Smelting House un mese, io ho dedicato questo tempo allo studio di nuovi incantesimi, mi sono accorto che uno dei problemi di essere un neo-laureato all’accademia di magia di Greyhawk è che non hai i tuoi incantesimi segreti, personali. E il buon Genio di Vecna mi ha fatto capire il peso che questi possono avere in uno scontro.

Dopo un paio di settimane di calcoli e schemi finalmente nella mia camera si è accesa una luca dorata: una corazza di piastre fatta di forza con pericolosi ingranaggi semovibili mi circonda. Avrei preferito un’armatura completa, ma questa va benone per ora, sono sicuro di poterla migliorare una volta raggiunto un grado di potere maggiore.

Nel frattempo abbiamo venduto e acquistato equipaggiamento, pronti a ciò che ci aspetta nella Laguna nebbiosa.

Ho parlato con il Contatto e con quello Grosso, a quanto pare vogliono rimanere qui, perchè qualcuno deve rimanere a Diamond Lake per vegliare, per evitare che la storia si ripeta. Mi diletto un po’ di Autoipnosi grazie a qualche lezione del Contatto, mi sono fatto mostrare dal Grosso le sue mosse. Il Grosso fra l’altro è ossessionato dai suoi genitori, e ha intenzione di fare ricerche sul fondo del lago. Mi sta bene, e da una parte sono sia dispiaciuto che sollevato. Mi è piaciuta l’idea di combattere spalla a spalla con gli amici di una vita, però dall’altra parte vedere sfide schiaccianti davanti a noi, doverli rivedere morire non mi alletta, meglio avventurarsi con semi-sconosciuti.

A tal proposito il Maestro che ormai conduce Amici qui a Diamond Lake, sembra abbia trovato l’ennesimo talento, anche se ad oggi non ho ben capito cosa sappia fare a parte fumare cose. Si è unito a noi il Drogato. Non credo di averlo visto sobrio ancora, e viaggiamo assieme da un paio di giorni, ma se il maestro pensa che valga la pena portarlo con noi chi sono io per dire di no? Fin’ora non si è mai sbagliato su una persona.

Partiamo il 27° giorno di Coldeven con il carro, 4 cavalli e la cavalla del Moro. Per strada troviamo i sadomasochisti di S.Cuthbert, un gruppo di halfling, un paio di orchi selvaggi in una gola, e a fine giornata arriviamo ad una locanda, secondo il Maestro la Locanda del Secchio Bucato.

E’ completamente disabitata e c’è puzza di cadavere, scopriamo che nel retro un paio di cavalli sono stati impalati e bruciati. Ottimi segnali! Cerchiamo un po’ in giro ma non troviamo niente di che. Il giorno dopo troviamo delle impronte lucertoloidi nel retro. Che vanno verso il cuore della palude. Il Maestro propone di andare a seguire le tracce, ci consegna una lettera per una tipa, sua amica che sta al forte, e va.

Noi ci rimettiamo in marcia ma non vediamo nulla di speciale, a parte l’ambiente che sta diventando una steppa, e lontani fuochi dietro le colline. Un messaggio mentale ci arriva dal Maestro “Investigate sui lucertoloidi, c’è qualcosa di strano”. Quando finalmente vediamo il forte da molto lontano, un gruppo di gnomi impazziti ci viene incontro urlando. Sostengono che è scoppiata una guerra, che loro portavano vettovaglie al forte quando è scoppiato il finimondo. Alcuni di loro sono morti, i lucertoloidi si stanno comportando in maniera singolare. Il forte è sotto assedio.

Decidiamo di avvicinarci senza farci scoprire. Carico tutto dentro la base portatile, altra creazione del nostro soggiorno nella Smelting House, divento invisibile, silenzioso e volo verso il tetto del forte, che da fuori sembra deserto. Mi calo in una finestra e apro la botola sul tetto per permettere ai compagni di scendere. Non c’è nessuna traccia di anima viva. Cominciamo a preoccuparci. Nel frattempo i lucertoloidi si preparano ad un assalto, il Moro gli lancia un Haboob in faccia, che li ammazza lentamente, mentre loro in risposta ci sparano una Palla di Fuoco in faccia, ma tanto ormai abbiamo fatto l’abitudine.

Scendiamo giù per trovare dei soldati sfiniti, che il buon Chiesarolo tira su velocemente, che chiedendo informazioni ci dicono che la tipa è scesa nel basamento e ha chiesto di non essere raggiunta. Uno di loro sta particolarmente male, sembra malato, ma lo aiuteremo dopo.

Scendiamo giù per trovare una porta inchiodata dall’esterno ai propri stipiti. La sfondiamo cautamente per trovarci faccia a faccia con ciò che rimane della tipa, ormai trasformata completamente in una Prole di Kyuss, zombie pieni di vermi molto pericolosi. Le controllo le tonsille con la lancia, e la abbatto all’istante, mi trovo ricoperto di vermini, ma grazie alla mia dura pellaccia sono innocui. Li faccio ammazzare dai miei compagni e proseguiamo a bonificare.

Scopriamo che l’attendente è malato della malattia soprannaturale Dono di Kyuss, che col tempo ti porta a diventare una Prole. Lo curiamo in tempo e lo interroghiamo per scoprire cos’è successo.

A quanto pare lei è andata nel nido centrale dei lucertoloidi per capire cosa stesse succedendo. Ovviamente con tutte le precauzioni possibili. Le è successo qualcosa, perchè è tornata ferita e molto strana. Si è chiusa in camera e solo verso la fine della malattia ha capito cosa stava per succedere e si è chiusa nel basamento per non essere una minaccia per i soldati. L’attendente è rimasto contagiato perchè a quanto pare hanno avuto un rapporto il giorno dopo il suo ritorno dal nido. Decidiamo di far perlustrare tutto il forte in cerca di possibili vermi, ma sono convinto che la fonte sia nel nido dei lucertoloidi.

Nel frattempo sembra che l’assedio sia concluso, circa un terzo delle forze che circondavano il forte sono morte e, sotto nostro suggerimento, bruciate.

Urge riunione a breve per capire il da farsi.

Comments

Dark_Field

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.